Er Cane e la Luna

Trilussa

C'era 'na vorta un Cane, in mezzo a un vicolo,
che abbajava a la Luna. Passò un Gatto.
Lasciala perde! - disse. - Che t'ha fatto?
Perché te guarda? Quanto sei ridicolo!
La luna guarda tutti, ma nun bada
a quelli che s'ammazzeno pe' strada.

E pe' questo ce sformo! - disse er Cane. -
In mezzo a tante infamie e a tanti guai,
ecchela lì! Nun s'è cambiata mai
e rimane impassibbile, rimane...
Me piacerebbe ch'aggricciasse er naso,
che stralunasse l'occhi...Nun c'è caso!

Perché 'ste cose qui l'ha viste spesso:
rispose er Gatto - er monno è sempre quello.
Quanno Caino sbudellò er fratello
la Luna rise tale e quale adesso:
ha riso sempre e riderà perfino
se un giorno Abele scannerà Caino...

This site uses technical cookies, including from third parties, to improve the services offered and optimize the user experience. Please read the privacy policy. By closing this banner you accept the privacy conditions and consent to the use of cookies.
CLOSE