Culture > Poems > 424 ๐Ÿ”—

La pelle

Trilussa

Povero me! Me tireranno er collo!
disse un Faggiano ar Pollo. -
Ho letto sur giornale che domani
c'è un pranzo a Corte, e er piatto prelibbato
saranno, come sempre, li faggiani...

E te lamenti? Fortunato te!
Je rispose l'amico entusiasmato. -
Nun sei contento de morì ammazzato
pe' la Patria e p'er Re?
E l'Ideale indove me lo metti?
Fratello mio, bisogna che rifretti...

Eh, capisco, tu sei nazzionalista,
disse er Faggiano, - e basta la parola.
Ma t'avviso, però, che su la lista
c'è puro scritto: polli in cazzarola. -

A 'sta notizzia, er povero Pollastro
rimase così male
che se scordò d'avecce l'Ideale
e incominciò a strillà: - Dio, che disastro!
La Patria, er Re, so' cose belle assai,
ma la pelle è la pelle...capirai!
Ne faccio una questione personale!

This site uses technical cookies, including from third parties, to improve the services offered and optimize the user experience. Please read the privacy policy. By closing this banner you accept the privacy conditions and consent to the use of cookies.
CLOSE