Er Leone e er Conijo

Trilussa

Un povero Conijo umanitario
disse ar Leone: - E fatte tajà l'ogna!
Levate quel'artiji! E' 'na vergogna!
Io, come socialista, so' contrario
a qualunque armamento che fa male
tanto a la pelle quanto a l'ideale.

Me le farò spuntà...- disse el Leone
pe' fasse benvolé dar socialista:
e agnede difilato da un callista
incaricato de l'operazzione.
Quello pijò le forbice, e in du' bòtte
je fece zompà l'ogna e bona notte.

�?cchete che er Conijo, er giorno appresso,
ner vede un Lupo co' l'Agnello in bocca
dette l'allarme: - Olà! Sotto a chi tocca!...-
El Leone je chiese: - E ch'è successo?
Corri! C'è un Lupo! Presto! Daje addosso!
Eh! - dice - me dispiace, ma nun posso.

Prima m'hai detto: levete l'artiji,
e mó me strilli: all'armi!...E come vôi
che s'improvisi un popolo d'eroi
dov'hanno predicato li coniji?
Adesso aspetta, caro mio; bisogna
che me dài tempo pe' rimette l'ogna.

Va' tu dal Lupo. Faje perde er vizzio,
e a la più brutta spaccheje la testa
coll'ordine der giorno de protesta
ch'hai presentato all'urtimo comizzio...
Ah, no! - disse er Conijo. - Io so' fratello
tanto del Lupo quanto de l'Agnello.

This site uses technical cookies, including from third parties, to improve the services offered and optimize the user experience. Please read the privacy policy. By closing this banner you accept the privacy conditions and consent to the use of cookies.
CLOSE