Per aria

Trilussa

Un Omo che volava in aroplano
diceva fra de sé: - Pare impossibbile
fin dove pô arivà l'ingegno umano! -
Quanno s'intese di': - Collega mio,
quanti mil'anni avete faticato
pe' fa' quer che fo io!...
Ma mó, bisogna che lo riconosca,
in fonno ve ce séte avvicinato...-
L'Omo guardò er collega...Era una Mosca!

Ma io, però, ciò l'ale ner cervello,
je fece l'Omo - e volo co' l'ingegno.
Defatti ho immagginato 'sto congegno
per avé le risorse de l'ucello.
Deppiù, se c'è la guerra,
m'accosto ar celo e furmino la terra:
ogni bomba che butto è 'no sfraggello.
Indove trovi un mezzo più potente
per ammazzà la gente?...

Su questo qui, potete sta' tranquillo,
je rispose la Mosca - ché pur'io
l'ammazzo a modo mio:
ma invece de la bomba ciò er bacillo.
Quanno vojo fregà quarche persona,
succhio la robba guasta
e je la sputo su la robba bona:
l'omo la magna e...basta.
Se sa che ognuno addopra l'arme sue
cór sistema più pratico, se sa:
ma, in fonno, lavoramo tutt'e due
a beneficio de l'umanità.

This site uses technical cookies, including from third parties, to improve the services offered and optimize the user experience. Please read the privacy policy. By closing this banner you accept the privacy conditions and consent to the use of cookies.
CLOSE