L'onore

Trilussa

Povera società senza giudizzio!
Povera nobbirtà senza decoro!
diceva un rospo verde in campo d'oro
dipinto su uno stemma gentilizzio. -

Che diavolo direbbe l'antenato
se doppo dieci secoli a di' poco
sapesse ch'er nepote vince ar gioco
cor mazzo de le carte preparato?

Va' là! - je fece un'Aquila d'argento
appiccicata su lo stemma stesso. -
Quell'antenato che stimamo adesso
nun era che un teppista der trecento.

E' er tempo che nobbilita: per cui
è inutile che peni e te ciaffanni.
Er nipote che rubba, tra mill'anni,
diventa un antenato pure lui.

potrebbero interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l’esperienza dell’utente. Si prega di leggere l'informativa sulla privacy. Chiudendo questo banner si accettano le condizioni sulla privacy e si acconsente all’utilizzo dei cookie.
CHIUDI