L'onore

Trilussa

Povera società senza giudizzio!
Povera nobbirtà senza decoro!
diceva un rospo verde in campo d'oro
dipinto su uno stemma gentilizzio. -

Che diavolo direbbe l'antenato
se doppo dieci secoli a di' poco
sapesse ch'er nepote vince ar gioco
cor mazzo de le carte preparato?

Va' là! - je fece un'Aquila d'argento
appiccicata su lo stemma stesso. -
Quell'antenato che stimamo adesso
nun era che un teppista der trecento.

E' er tempo che nobbilita: per cui
è inutile che peni e te ciaffanni.
Er nipote che rubba, tra mill'anni,
diventa un antenato pure lui.

This site uses technical cookies, including from third parties, to improve the services offered and optimize the user experience. Please read the privacy policy. By closing this banner you accept the privacy conditions and consent to the use of cookies.
CLOSE