La legge

Gioacchino Belli

Nè de me nè de te ssanno ste carte
St'editti de gabbelle e giubbilei,
Ste ladrerie, sti giubbilate-dei
Dove er Papa vò ssempre la su' parte.

Aveva ppiù ggiudizzio Bonaparte,
Che ssenza tanti giri e ppiaggnistei
Diceva ar monno: "Questo tocca a lei";

Er papa è certo una perzona dotta,
Ma 'gniquarvorta prubbica una legge,
Fa come la padella: o ttigne, o scotta.

Cusì: Viva er Pastor, viva la gregge,
Viva er cucchiere e l'animal che ttrotta,
Viva chi scrive e buggiarà chi legge.

This site uses technical cookies, including from third parties, to improve the services offered and optimize the user experience. Please read the privacy policy. By closing this banner you accept the privacy conditions and consent to the use of cookies.
CLOSE