Er Papa bono

Gioacchino Belli

Pe bono è bono assai; ma er troppo è troppo;
e accussí tra l'ancudine e 'r martello,
se lassa persuade a annà berbello
e quer c'ha da fà prima a fallo doppo.

Lo sapemo ch'er curre de galoppo
porta spesso a la strada der macello,
ma neppuro un curiero c'ha cervello
nun monta in zella a un cavallaccio zoppo.

Perantro noi che stamo a casa nostra
e ciancicamo quer boccone in pace,
noi nun capimo che lassú è la giostra.

Fra chi tira e chi allenta, poveretto,
io vorí;a vede chi sarì capace
d'accordà la chitarra e 'r ciufoletto.

This site uses technical cookies, including from third parties, to improve the services offered and optimize the user experience. Please read the privacy policy. By closing this banner you accept the privacy conditions and consent to the use of cookies.
CLOSE