Li galoppini

Gioacchino Belli

Jeri, a la Pulinara, un colleggiale
Doppo fatta una predica in todesco,
Setacciò tutt'er popolo in du' sale,
E a la ppiù mejo vorze dà er rifresco.

In quella fece entracce er Cardinale
Co l'amichi der Micco e ppadron Fiesco;
E nell'antra la gente duzzinale
Che viaggia cor caval de san Francesco.

Pe sta sala che qui de li spedati
Comincionno a ppassà li cammorieri
Pieni de sottocoppe de gelati.

Ma che! a la sala delli cavajeri
Un cazzo ciarrivò: ché st'affamati
Se sparinno inzinenta li bicchieri.

This site uses technical cookies, including from third parties, to improve the services offered and optimize the user experience. Please read the privacy policy. By closing this banner you accept the privacy conditions and consent to the use of cookies.
CLOSE