L'inciciature

Gioacchino Belli

Che scenufreggi, sciupi, strusci e sciatti!
Che sonajera d'inzeppate a secco!
Igni botta, peccrisse, annava ar lecco:
soffiamio tutt'e dua come du' gatti.

L'occhi invetriti peggio de li matti:
sempre pelo co' pelo, e becc'a becco.
Viè e nun vienì, fà epija, ecco e nun ecco;
e daje, e spigne, e incarca, e strigni e sbatti.

Un po' più che durava stamio grassi!
Ché doppo avè finito er giucarello
restassimo intontiti come sassi.

E' un gran gusto er fragà! ma pe godello
più a ciccio, ce vorìa che diventassi
Giartruda tutta sorca, io tutt'ucello.

This site uses technical cookies, including from third parties, to improve the services offered and optimize the user experience. Please read the privacy policy. By closing this banner you accept the privacy conditions and consent to the use of cookies.
CLOSE