Villa Glori

Piazzale di Villa Glori - 00197 Roma

Piccola altura (56 metri) sulla sinistra del Tevere,
all'estremità orientale dell'ansa che il fiume traccia prima
di volgere decisamente a sud per traversare la città di Roma.
Così detta dalla villa di un certo Gliri (o Gloria).

Il Parco di Villa Glori fu disegnato da Raffaele De Vico
(1923-24), ed è oggi in parte Parco della Rimembranza.

A Villa Glori si svolse, il 23 ottobre 1867, un epico
episodio nella storia dei tentativi compiuti per assicurare
all'Italia ormai unita la sua naturale capitale. Enrico e
Giovanni Cairoli, espulsi da Roma, dove si erano recati a
sondare le possibilità di un moto rivoluzionario, avevano
esposto a Firenze al Comitato Soccorso il piano per una spedizione su
Roma. Il 20 ottobre un "sacro
drappello" di settanta rivoluzionari, con a capo Enrico
Cairoli e, in sottordine, G.Tabbacchi, C. Isacchi e G.
Cairoli, da Terni raggiunse il Tevere prendendo terra la
notte sul 23 alla confluenza con l'Aniene e salì sull'altura
di Villa Glori. Ma qui fu sopraffatto da forze di
"carabinieri esteri" armati di ottimi chassepots. Fu ucciso
Enrico Cairoli. I superstiti ripiegarono su Mentana o furono
fatti prigionieri. L'episodio è l'oggetto di una famosa
serie di sonetti romaneschi di Cesare Pascarella.

Il Viale principale del Parco, in salita, incrocia il
Viale dei Settanta (compagni di Cairoli) e porta al Piazzale
dell'Altare, alla colonna commemorativa dei Caduti del 1867
ed al piazzale dove ancora oggi si vede il "tronco secco del
mandorlo" che Enrico Cairoli bagnò con il suo sangue. Da
qui, il Viale del mandorlo porta al "Casale" dove i Compagni
di Cairoli si asserragliarono, a 100 metri un gruppo di
querce dedicato ai Caduti Medaglie d'Oro della guerra 1915-18.

Dal Piazzale del Parco della Rimembranza ha inizio il
Viale Parioli, che attraversa il Quartiere Parioli, fra i
più signorili di Roma.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l’esperienza dell’utente. Si prega di leggere l'informativa sulla privacy. Chiudendo questo banner si accettano le condizioni sulla privacy e si acconsente all’utilizzo dei cookie.
CHIUDI