Culture > Poems > 439 ๐Ÿ”—

Er disinteresse

Trilussa

Una Mosca cascò drento un barattolo
pieno de marmellata
e ce rimase mezzo appiccicata.
Cercava de sta' a galla, inutirmente:
provava a uscì, sbatteva l'ale: gnente!
Più s'attaccava ar vetro
più scivolava addietro.

Un Ragno, che per caso
lavorava su un trave der soffitto,
cór filo de la tela, dritto dritto,
scese a piommo sur vaso:

Che bella Mosca! - disse - pare un pollo!
E' necessario che la sarvi io
pijannola p'er collo:
armeno ce guadagno
che fo 'na bona azzione e... me la magno. -

Conosco uno strozzino amico mio
che cià li stessi metodi der Ragno.

This site uses technical cookies, including from third parties, to improve the services offered and optimize the user experience. Please read the privacy policy. By closing this banner you accept the privacy conditions and consent to the use of cookies.
CLOSE