Er Vento e la Nuvola

Trilussa

Una Nuvola nera disse ar Vento:
Damme un appuntamento
perché stanotte ho da coprì la Luna.
E indove vôi che venga? - Verso l'una
dedietro ar campanile der convento.
Se tratta de questioni delicate:
disse piano la Nuvola - ho scoperto
un buggerìo de coppie innammorate
che la notte se baceno a l'aperto.
E' un'immoralità
che propio nun me va!

Quanto sei scema, Nuvoletta mia!
Je fece er vento. - Vôi coprì l'amore,
ch'è la cosa più bella che ce sia,
e lasci a lo sbarajo tanta gente
che s'odia e che se scanna inutirmente!
Guarda, infatti, laggiù. Li vedi quelli
che stanno a liticà su la piazzetta?
J'abbasta l'aria d'una canzonetta
pe' faje mette mano a li cortelli,
senza manco pensà che so' fratelli
e che cianno una madre che l'aspetta! -

La Nuvoletta, ner vedé la scena,
sbottò in un pianto, fece uno sgrullone
e fracicò un filosofo cojone
che stava a rimirà la luna piena.
So' le stelle che sputeno sur monno!
Disse tra sé er filosofo. - So' loro!
Hanno raggione, in fonno!

This site uses technical cookies, including from third parties, to improve the services offered and optimize the user experience. Please read the privacy policy. By closing this banner you accept the privacy conditions and consent to the use of cookies.
CLOSE