La fine der Leone

Trilussa

Quanno morì el Leone
un Sorcio letterato,
per esse rimarcato
dar pubbrico bestione,
montò sur cataletto
e improvisò un sonetto
ch'aveva ricopiato.
A tutti l'animali
je venne la mania
de róppe li stivali
co' quarche poesia.
Perfino la Formica
rilesse 'na canzone
su l'amicizzia antica
che c'ebbe cór Leone;
la Purcia...puro quella,
pe' fasse crede amica,
cantò la tarantella!
Er Ciuccio solamente
guardava 'ste bestiole
coll'occhio innummidito
che luccicava ar sole,
senza poté di' gnente...
Perché - je chiese un Grillo -
resti così tranquillo?
Nemmanco sei capace
de faje un ritornello...
Va' via! Lasciame in pace!
rispose er Somarello. -
Io, grazziaddio, nun bazzico
quer monno letterario
che piagne co' le lagrime
spremute da un rimario;
io no: so' più modesto:
senza cercà la rima,
piagno de core e resto
somaro come prima.

This site uses technical cookies, including from third parties, to improve the services offered and optimize the user experience. Please read the privacy policy. By closing this banner you accept the privacy conditions and consent to the use of cookies.
CLOSE